LA DESTRA E’ NOVAX ?

LA DESTRA E’ NOVAX ?

LA DESTRA E’ NOVAX ?

Analizziamo la situazione, i più grandi partiti della destra italiana sono: Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, Lega Salvini Premier di Matteo Salvini e Forza Italia di Silvio Berlusconi. Gli ultimi due fanno parte dell’attuale maggioranza e del governo mentre la Meloni è all’opposizione. Dobbiamo però fare una doverosa premessa, Forza Italia non fa parte della destra bensì del centro-destra, può sembrare una cosa da poco ma c’è una grande differenza tra questi due schieramenti. Tra la Lega e Fratelli d’Italia possiamo trovare molti punti in comune tre dei quali vanno nettamente in contrasto con il partito di Berlusconi: lo scetticismo nei confronti del vaccino e delle misure per contrastare il Covid, un forte sentimento anti europeista e la manipolazione dei dati e delle notizie a proprio vantaggio. In questo articolo ci concentreremo sul primo di questi punti dando il via ad una breve rubrica divisa in tre parti.

PERCHE’ LA DESTRA SI SCHIERA CONTRO I VACCINI ?

Come abbiamo potuto notare nel corso di questi mesi di pandemia Lega e Fratelli d’Italia si sono opposti numerosi volte alle misure per contrastare il Covid, compreso il vaccino. Ma perché ? La risposta più immediata sarebbe il voler sfruttare il malessere della popolazione. Non è un mistero che Salvini e la Meloni abbiano più volte dato risposte semplici a problemi complessi acquisendo la nomea di populisti. Questa però non sembra essere la risposta più ovvia, come possiamo apprendere dai dati oltre il 70% della popolazione è vaccinato, percentuale cha salirà all’80 a fine settembre. Inoltre la ministra Mariastella Gelmini di Forza Italia, ricordate centro-destra non destra, ha confidato di arrivare presto all’85% della popolazione immunizzata.

Capiamo quindi che la stragrande maggioranza degli italiani sono favorevoli al vaccino eppure la destra continua ad ammiccare a quel piccolissimo numero di elettori che forma il gruppo dei novax. Il motivo che spinge la Meloni sembra chiaro, in qualità di oppositrice dell’attuale governo si schiera contro le proposte presentate dalla maggioranza, infondo sta solo facendo il suo lavoro, ma Salvini ?

Per lui il problema sembra più complesso, in poche parole il leader del carroccio è nel panico, in questo momento sta pagando le conseguenze delle sue azioni. L’attaccamento alla poltrona ha creato una spaccatura all’interno del suo elettorato che ha visto andare in fumo anni di propaganda contro l’Europa e la sinistra e che ora si vede molto più vicino alla Meloni. Nonostante si fosse dichiarato più volte contro il greenpass la Lega ha votato a favore del provvedimento senza modifiche al testo originale. Come detto dallo stesso Claudio Borghi, deputato per la Lega, l’unica alternativa era quella di uscire dall’esecutivo.

Questo era l’articolo del 13 settembre, per leggere gli altri clicca qui.

Seguici e condividi su InstagramFacebook e Twitter.

Leggi gli ultimi articoli: