Di Maio, Renzi e Calenda il nuovo centro? (Spoiler no)

Di Maio, Renzi e Calenda il nuovo centro? (Spoiler no)

No, semplicemente no. Stando ai tweet di Calenda, il leader di Azione non avrebbe nessuna intenzione di allearsi con il ministro degli esteri. Basta leggere un tweet del 23 giugno in cui riprendendo le parole di Enrico Costa (tra i big di Azione) afferma che è impossibile collocare Di Maio tra i liberali dicendo: “[…] e domandatevi cosa ci sia di liberale nelle sue posizioni”.

Sulla stessa linea, anche se più moderata, la sua più fedele alleata, Emma Bonino, che con il suo partito non prende di mira solo Insieme Per il Futuro ma anche Conte e i 5 stelle.

E per quanto riguarda Renzi?

Al contrario del suo “amichetto” rimane più enigmatico. Infatti in un’intervista riportata sull’Ansa, a Mezz’ora in Più, Renzi dice:

Che forma prenderà il polo del centro? “E’ troppo presto per dirlo, perché da qui alle prossime elezioni cambierà tutto e io stavolta non sono ottimista.

In ogni caso se si vota nel maggio del 2023, se ne potrà parlare a gennaio-febbraio del ’23, non prima.”

Quindi mantiene le distanze senza dire ne si ne no. Anche perché Calenda, che in pratica è Renzi ma che sta avendo un pò di successo in più, non sembra star curando molto l’amicizia con l’ex presidente del consiglio, tanto che sta federando Azione con Più Europa.

Naturalmente per chi se lo stesse chiedendo anche Renzi non fa complimenti per sputare adosso a Conte.

Seguici e condividi su InstagramFacebook e Twitter.

Leggi gli ultimi articoli: